venerdì 30 ottobre 2015

E POI ARRIVA LEI... LA SOPRAELEVATA

Da poco tempo, è stata effettuata una modifica alla fine della sopraelevata che permette un traffico più scorrevole, questo è quello che accade nella normalità; ma anche nella normalità, c'è sempre un tir che la imbocca e non dovrebbe, c'è sempre una macchina che resta in panne, purtroppo qualche incidente e pertanto succede che quel tragitto, si allunga drammaticamente....
Se in più aggiungo che la sopraelevata non si può percorrere a più di 60 km/h;
Dunque , l'idea era giusta! Costruire una strada che attraversasse la città senza attraversarla davvero; una strada posizionata a circa 10/15 metri sopra le strade normali;
Poi, come spesso accade a Genova, una idea vincente sulla carta, si trasforma in una idea vincente anche nella realtà, ma con una serie di mugugni da parte di chi la percorre;

Se torni a casa, in aereo , magari da un viaggio, provi un senso di orgoglio, quando riconosci la tua città; e io genovese???? eh si, la riconosco eccome da lontano perche subito dopo la Lanterna, vedo questo biscione in mezzo al cielo, tutto illuminato.... ed esclami: Genova!!!! guarda, la sopraelevata..........
Tanto è bruttina vista dall'aereo quanto meravigliosi sono i tramonti che lei ti regala se la percorri all'imbrunire; un mare meraviglioso dentro il quale va a nascondersi il sole; che posizione strategica la sopraelevata; dimentichi le code e i vigili, se volti lo sguardo verso il mare.... ma poi, il genovese in coda dietro di te, ti ricorda che devi andare.........

mercoledì 28 ottobre 2015

lei, una contraddizione continua.

SEI DI GENOVA SE...


In realtà, anche se può sembrare una contraddizione, il vero genovese, NON è di Genova, bensì è di Pegli, Cornigliano, San Fruttuoso..... Il vero genovese non è della sua città, ma del suo quartiere;
Proprio perche io, non sono di Genova, ma di San Fruttuoso, ho deciso di rendere omaggio alla mia città dedicandole il mio blog;


I suoi abitanti, sono modesti al punto di sembrare poco socievoli, ma i mugugnoni (mugugno: tipico lamento del genovese), sanno darti il cuore, e nei momenti piu duri vissuti dalla mia città, il genovese ha dimostrato una forza, una solidarietà tale da renderti fiero di esserne parte; 

Genova è una città che lavora sodo..... tanto che non puoi percorrere le sue strade nelle ore di punta, meglio munirsi di un motorino; Genova è una città che si rialza dopo ogni alluvione, e proprio quando meno te lo aspetti, riesce a regalarti tramonti di rara bellezza;

Genova è così, tanto fragile quanto forte, odiosa e amorevole, semplice e complicata..... Lei è così, una continua contraddizione ;