venerdì 12 febbraio 2016

Genova per noi

Quando un foresto pensa a Genova, immagina quella città che si estende lungo la costa tra Voltri e Nervi, due valli parallele fino a Pontedecimo e Prato, ed un ben definito centro storico.
Cos'è in realtà Genova?
È quel centro storico ricco di storia ed architettura.
La foto di rappresentazione delimita i suoi antichi confini a ponente: la Lanterna e la collina di s.Benigno sbancata a partire dagli anni 30 a seguire.
Oltre c'erano i piccoli comuni del ponente e della Valpolcevera.
Per il resto Genova e delimitata a monte da Castelletto, con le creuze a salire, ed a levante dal Bisagno.
Oltre il Bisagno le delegazioni del levante e della Valbisagno.
Durante il periodo fascista i confini della città vennero ridisegnati, inglobando diversi comuni e raggiungendo una notevole estensione con la creazione della Grande Genova.
Le delegazioni che fanno parte del comune di Genova conservano la struttura di piccole città, con propri centri e periferie, culture e tradizioni.
Tale insieme di località diverse, fuse in un'unica realtà urbana, rende la città affascinante ed unica.
Ancora oggi, partendo da questi antichi comuni, si USA dire: vado a Genova, o anche Rivarolo, Marassi, Molassana ecc...
Genova è un insieme di anime diverse che convivono e diciamolo: si sopportano.

11 commenti:

  1. sai dai tuoi post si evince che tu sei innamorata della tua città e questo è molto bello.

    sono felice di aver ospitato Maurizio nel post a lui dedicato ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Fiore, questo post in realtà non è stato scritto da me, ma dal mio eroe mascherato; che ha una conoscenza di Genova alla quale io mi inchino sempre; ti ringrazio per aver pubblicato la storia simpatica di Maurizietto amore mio!

      Elimina
  2. La nostra città attraverso i racconti emoziona sempre tanto, la foto è stupenda. Baci e felice fine settimana

    RispondiElimina
  3. Si sopportano!!! Hai ragione!!!!! Io lo dico sempre che il vero genovese non è di Genova bensì del suo quartiere!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Siete campanilisti al cubico!!! 😅😅

    RispondiElimina
  5. Sempre interessante, quando verrò a Genova nè saprò più della migliore guida pubblicata!!!
    Elena

    RispondiElimina
  6. che bello il blog a due mani, ottima idea! bravi...
    e che meraviglia la foto.... adoro queste foto antiche (o è troppo? meglio vecchie.... boh...)
    ciao, baci baci

    RispondiElimina
  7. Grazie per gli auguri , la risposta all'indovinello nel post di venerdì, ciao!

    RispondiElimina
  8. Ciao Laura è sempre bello leggere quello che scrivi sulla nostra Genova e sei molto brava a cogliere l'essenza di noi genovesi.

    RispondiElimina
  9. Laura, tu hai integrato il mio pensiero dicendo che ogni genovese appartiene al suo quartiere.
    Sono fiero di appartenere al mio, e...mi dispiace per gli altri ahahah
    Siamo l'allegoria dell'Italia: l'Italia è un modo di dire.
    In realtà siamo liguri, veneti, toscani, calabresi e cosí via.
    Ecco! Genova è simile.
    Peccato solo che non abbiamo il Palio come a Siena...ne vedremmo delle belle.
    Una buona serata ai presenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Gian, noi non siamo di Genova bensì del nostro quartiere!!!!

      Elimina