lunedì 1 febbraio 2016

La storia di una carezza d'amore... Cattedrale di Genova

Non è proprio un segreto.....  diciamo che è un particolare talmente riservato a pochi che non tutti i genovesi sanno......
Non basta un solo post per raccontare quanto sia straordinaria "questa nuova" Cattedrale
( in effetti la Chiesa di Santo Stefano era la nostra Cattedrale, ma ne parleremo più avanti)





Maestosa, austera, costruita a rate.... e neanche terminata... i genovesi si sa, fanno il passo secondo la gamba, e se finiscono i soldini, beh, il secondo campanile non si cosrtuisce!!!!!
Ma torniamo al titolo del post....
Non racconterò della Cattedrale, ma solo di un dettaglio.

Un po di tempo fa, venne una mia amica a Genova e la portai proprio qui davanti, è inorgoglita come solo io sono quando parlo di Genova, inizio così il mio racconto...

Vedi Giusy, questa Cattedrale nasconde un gesto di infinito amore tra un cane e il suo padrone.... Nessuno o quasi conosce questa storia, molti entrano in Cattedrale e non sanno che  accarezzare il cagnolino è un gesto doveroso; Non posso dirti niente, se lo trovi lo potrai accarezzare e ti porterà fortuna;

Le indico approssimativamente dove cercare e non appena inizia a salire gli scalini, esce dalla Chiesa un uomo di nazionalità cinese, si avvicina al punto X e accarezza il cagnolino!!!!
Cosa sta facendo quel signore???? lui e la sua macchina fotografica! Ma un genovese su cento conosce questa storia e tu, che vieni dall'altro capo del mondo, con la tipica Canon cinese sai gia????

Giusy si girò verso di me e mi disse: l'ho trovato!
nel frattempo dei ragazzi si avvicinarono a vedere cosa stesse toccando e poi mi chiesero....

Un po indispettita iniziai:

Uno degli scultori della nostra bella Cattedrale possedeva un cagnolino, il quale venne smarrito proprio durante i lavori; Il suo padrone decise così di scolpirlo nel marmo e nel suo cuore; Nella sua memoria lo adagiò su un morbido cuscino, è proprio così che lo si vede impresso, arrotolato e sereno;

Non esiste miglior gesto d'amore di un padrone al proprio cane se non una dolce carezza, tante sono quelle che fece lo scultore al suo animale; Ogni gesto d'amore rimanda buona sorte, e anche questo, ad ogni carezza ricevuta, rimanda tanta fortuna a chi lo farà......


eccolo "Cotone" il cagnolino della Cattedrale che aspetta una carezza d'amore

19 commenti:

  1. Oddio non lo sapevo, che chicca incredibile per la nostra cattedrale! Grazie per trasmettere a tutti l'amore per la nostra città. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabri, Giusy potrà confermarlo, ancora prima di iniziare a spiegarle la storia le dissi: questa chicca non la conosce nessuno o quasi....
      e invece, quel cinese che parlava solo inglese ha dimostrato che proprio così non è!

      Elimina
    2. Probabilmente invece si tratta di una curiosità resa nota e scritta sulle guide della città.

      Elimina
    3. effettivamente potrebbe essere che sia molto più nota ai turisti che non a noi;

      Elimina
  2. bellissimo questo particolare . Trovo giusto cio' che dici molto spesso ne sanno di + gli stranieri che i locali proprio perchè andando con guida e varie curiosità riportate spesso sanno cose in + :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, credo sia cosi; è proprio per questo che io vivo da turista nella mia città; con reflex sempre dietro torno ogni volta più affascinata di prima...

      Elimina
  3. Il gesto d'amore per un fedeltà senza confini, quella del cane...da cui dovremmo imparare!! Confermo tutto ciò che ha detto Laura! E riconfermo la stima per la passione che mette nel raccontare la sua città!! Che è un po' anche mia...😉

    RispondiElimina
  4. Ma lo sai che la Cattedrale di Strasburgo ha una guglia per lo stesso motivo, più o meno? Ma per questo è famosa e molto bella.
    La storia del cane è dolcissima e mi piace molto come l'autone l'ha inserito nel resto della scultura, quasi a farlo diventare un particolare prezioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non credo neanche che sia un caso il fatto che sia stato messo proprio all'altezza degli occhi...

      Elimina
  5. che bella storia Laura, saresti una guida straordinaria, spero un giorno di venire a Genova....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vieni, sarò libera e andremo a scorrazzare nella genova che i turisti non vedono mai!!!!

      Elimina
  6. A Genova sono stata di passaggio....in stazione mentre scendevo da un treno e salivo su di un altro......ma chissà che domani, domani....
    Da parecchi anni andiamo a Pietraligure. Ci troviamo bene. Ora non cammino più come una volta, anzi, non cammino proprio! Gli anni cominciano a far danni, ma va bene così! Ancora buonanotte. Adesso vado proprio....Ciao Bimba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lucia, grazie di cuore per essere passata a scoprire i segreti della mia amata città; se verrai, un giorno , o come dici tu domani....domani.... io sarò puntuale ad aspettarti per portarti in giro nel mio paradiso! Per il momento, se vorrai, ti porterò in giro solo virtualmente attraverso i miei occhi!

      Elimina
  7. che meraviglia questa storia Laura!! mi ha strappato una lacrimuccia!!! quando verremo a trovarti, non posso mancare una carezza!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, tu segna che io ti aspetto, così potrò ricambiare il bellissimo tour di Bologna, nei suoi segreti che solo grazie a te ho avuto modo di fare!!!!

      Elimina
  8. Cotone.... non conoscevo la storia e mi consolo un pochino dato cosa han scritto altre genovesi ;-))))) .... toccante particolare....
    non mancherò di lasciare una carezza, alla prima occasione....
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se lo trovi..... lo puoi accarezzare! eh eh, grossa la Cattedrale di san Lorenzo, se saremo insieme ti indicherò approssimativamente dove cercare!

      Elimina
  9. Laura bellissima storia. Anche io non la sapevo è sempre un piacere leggerti perchè metti passione e cuore nei tuoi racconti. Baci Lella

    RispondiElimina